Quando investo dei soldi, mediamente dopo quanto tempo mi devo aspettare dei risultati? - Conoscere la Finanza
20 Marzo, 2018

Quando investo dei soldi, mediamente dopo quanto tempo mi devo aspettare dei risultati?

Un consulente finanziario onesto ti direbbe che investire dei soldi significa prestarli a qualcuno che ne farà certamente qualcosa e ricevere, in cambio, un premio per aver rischiato.

Non ci sono tempi medi per ottenere dei risultati.
A definire quanto tempo ci vuole per ottenere il premio promesso sono due elementi:
– che obblighi si è assunto nei tuoi confronti il soggetto a cui hai prestato il denaro;
– che valore ha sul mercato il vostro accordo.

Che accordo hai sottoscritto?
Nel panorama degli strumenti disponibili per gli investimenti, esistono molte sfumature di accordi. E ad ogni sfumatura, corrisponde un livello diverso di obblighi nei confronti degli investitori.
Pensiamo all’universo delle obbligazioni: si tratta di accordi che prevedono delle condizioni ben precise per chi presta e per chi utilizza quel denaro. Acquistare un’obbligazione, indipendentemente che l’abbia emessa un’impresa (obbligazione corporate) o un Paese (titolo di stato), significa avere accordi sia riguardo il rendimento che si riceverà, sia riguardo le date in cui i rendimenti saranno pagati. Un BTP, ad esempio, prevede il pagamento di 2 cedole per ogni anno di durata del titolo e la restituzione del valore nominale promesso dopo 4 anni esatti.
Acquistare un’azione di un’impresa italiana comporta uno scenario ben diverso: chi possiede un’azione è socio dell’impresa. I soci sono coloro che partecipano al rischio economico dell’azienda e hanno diritto a percepire un dividendo annuale solo se l’impresa conseguirà utili e se si deciderà di distribuirli e di non reinvestirli.
In un fondo d’investimento che contiene sia obbligazioni che azioni, acquistare delle quote di un fondo significa avere la certezza di ricevere dei rendimenti (es. cedole periodiche) e l’incertezza riguardo ad altri rendimenti.

Che valore ha sul mercato l’accordo che hai sottoscritto?
Generalmente tutti gli accordi d’investimento hanno un valore sul mercato: nel senso che c’è sempre qualcuno che è disposto a liquidarti per entrare al tuo posto nell’accordo.

Ma a che prezzo? Il valore della tua posizione in un accordo cambia ogni giorno e oscilla al variare di alcuni elementi.
Il valore delle azioni muta tutti i giorni sulla base delle notizie che si ricevono dall’azienda o dal mercato in cui l’azienda opera: ci saranno, quindi, giorni in cui molte persone vorrebbero sostituirsi a te come socio perché hanno ottime aspettative sui risultati dell’azienda e sono disposte a pagare le tue azioni più di quanto le hai pagate tu.

Altri giorni, invece, le notizie potrebbero suggerire scenari negativi e nessuno entrerebbe come socio al tuo posto, a meno che tu non sia disposto a vendere ad un prezzo molto inferiore di quello a cui hai comprato le azioni.
La stessa logica vale per ogni altro strumento del mercato, per i titoli di Stato, le obbligazioni, i fondi comuni e anche i derivati.
Ogni strumento ha un valore economico per i terzi: questo valore potrebbe essere favorevole oppure no, dipende dal prezzo a cui tu sei entrato nell’accordo.

Quando otterrai i risultati che speri?
A seconda dello strumento su cui hai investito, puoi scegliere:
– se attendere la scadenza per avere i risultati promessi: la scadenza dei titoli o delle obbligazioni oppure la data di distribuzione dei dividendi nel caso delle azioni;
– se vendere il tuo accordo sul mercato e beneficiare subito dell’eventuale incremento di valore del tuo strumento.

Comunque, solitamente i piani d’investimento vanno valutati su archi temporali di alcuni anni, anche se eventuali modifiche possono avvenire anche in archi temporali inferiori, visto che il consulente finanziario vigila quotidianamente i mercati e sa come muoversi, dandoti oltre che il consiglio giusto, un quadro completo di come il mercato si sta muovendo.

Andrea Mornati

Click Here to Leave a Comment Below

Leave a Reply: